La nascita di Mental Lab si fonda sull'idea che il ruolo della psicologia dello sport e dell'allenamento mentale, debbano essere integrati alla preparazione fisica, tecnica e tattica con il fine di migliorare la performance e il benessere dell'atleta.

 

Lo stato emotivo e mentale hanno un’incidenza di rilievo sulla performance e influiscono ad originare il successo o l'insuccesso sul campo.

 

Gli obiettivi di Mental Lab sono i seguenti:

 

- Aiutare l'atleta ad essere maggiormente consapevole dei suoi stati mentali ed emotivi e ad intervenire sul proprio cambiamento, seguendolo in un progetto condiviso che lo condurrà ad essere sempre più autonomo.

- Ridurre il più possibile il gap tra la performance potenziale con quella effettiva (ottimale), avendo sempre in evidenza il benessere psicofisico.

 

Piano di intervento di Mental Lab:

 

- Assesment (Valutazione) della situazione iniziale

- Pianificazione del goal setting (obiettivi a breve, medio e lungo termine)

- Intervento (anche su campo) con utilizzo di strumenti e metodologie sport-specifiche per il raggiungimento degli obiettivi prefissati

- Affiancamento per verifica e valutazione del percorso svolto.

 

Punti di forza del Mental Lab

 

Oltre all'utilizzo di tecniche per l'autoregolazione psicofisica, l'aumento del focus di concentrazione e attenzione, tolleranza al dolore, gestione dello stress, di respirazione; vengono utilizzati anche il Biofeedback e l'Eye tracking.

 

Grazie a queste tecnologie è possibile eseguire allenamenti cognitivi dinamici.

Nello sport è entrata anche la scienza per poter aiutare gli atleti al miglioramento delle loro prestazioni, migliorando i loro gesti motori, la concentrazione, l'autoregolazione emotiva, riducendo i tempi di reazione.

 

Biofeedback:

 

Il Biofeedback è uno strumento collaudato che permette agli atleti di comprendere cosa accade al  proprio corpo a livello psicofisiologico, nelle situazioni più diverse. Ma non solo: permette di imparare ad influenzare le risposte del nostro organismo e di esercitarne un controllo diretto.

Il Biofeedback è uno strumento appropriato per il miglioramento delle prestazioni, le gestione dello stress, l'allenamento alla resilienza.

 

Eye tracking

 

Con l'eye tracking è possibile rendere oggettiva e misurabile la performance dell'atleta, facendo emergere le aree di miglioramento e i punti di forza valutando al contempo i risultati del training.

Grazie all'eye tracking è possibile analizzare i pattern visivi del tennista in termini di saccadi.

 

Di fatto, tramite questa tecnologia è possibile analizzare i pattern visivi dei tennisti in termini di fissazioni e saccadi, di comprendere quali siano le aree di maggior focus e di misurare i tempi di reazione relativi alla coordinazione occhio-mano.

Progetto supervisionato da:

Dott. Stefano Becagli Psicologo Clinico e dello Sport, iscritto all'Albo degli Psicologi della Regione Lombardia.

Laureato in Psicologia clinica presso l'Università degli Studi di Pavia con tesi dal titolo "Aspetti psicologi e psicopatologici nello sport".

In ambito sportivo svolge interventi di preparazione mentale sia per sport individuali che di squadra, collaborando con atleti e società sportive di alto livello.

Collabora con allenatori e staff tecnici per diverse discipline sportive.

Esperto in Biofeedback e Neurofeedback.

Docente in master in Psicologia dello sport.

Docente della Scuola Regionale dello Sport del CONI

Preparatore mentale FIT (Federazione Italiana Tennis).

  • Facebook - Grey Circle
  • Instagram - Grey Circle

© 2023 by Powerhouse Fitness. Proudly created with Wix.com

 

logo-mobile-x2.png